Aspetta prima di scrivere e rispondere alle email

27 Gennaio 2024 | Pensiero

Non tutti i momenti sono adatti per scrivere, che si tratti di un’email o di un messaggio.

Per individuarli, ci viene in aiuto l’acronimo HALT che indica i termini Hungry, Angry, Lonely, Tired e che suggerisce di non affrontare argomenti delicati o di prendere decisioni difficili quando si è affamati, si è arrabbiati, si soffre la solitudine o si è stanchi.

Anche Warren Buffet dice di aspettare, soprattutto quando c’è qualcosa che ci dà fastidio perché:

«Puoi mandare al diavolo una persona anche domani…»

Invece di scrivere a caldo, molto meglio provare a far passare un giorno sapendo che questa attesa non significa perdere il momento o non dire ciò che si pensa.

Se il giorno successivo ci sentiremo allo stesso modo, sarà più semplice comprendere meglio le emozioni trasformandole in scrittura.

In pratica, si crea più tempo e spazio per la chiarezza che ci permetterà di prendere decisioni migliori comunicando meglio.

Organizzare la scrittura vuol dire essere in grado di porsi domande migliori che a loro volta aiuteranno a perfezionare l’atto di scrivere.

Le parole sono al nostro servizio, e possono complicare o semplificare il lavoro.

Per semplificare, ci viene in aiuto il secondo acronimo di David Emerald, WAIT, ovvero “Why Am I Talking?”.

Sebbene faccia riferimento a una conversazione, chiedersi perché stiamo scrivendo un determinato testo e quali emozioni o sensazioni vogliamo trasmettere è sempre un ottimo esercizio che ci aiuta a lavorare meglio.

P.S.: per migliorare la gestione delle comunicazioni, segui il corso completo Organizza le email, per riprendere il controllo della posta elettronica e liberare la inbox.

corso organizza le email