Come sfruttare la quasi serendipità degli strumenti che usiamo

17 Marzo 2022 | Pensiero

Tra i traumi causati dal web che mi porto dietro 😃 c’è senza dubbio quello scatenato dalla chiusura di StumbleUpon. Progetto chiuso nel 2018, per sedici anni ha offerto la possibilità di fare felici scoperte nel web. In pratica, ogni clic portava a una pagina web casuale con l’intento di trovare cose interessanti.

Adesso il servizio si chiama Mix e sono nati tanti altri sistemi più o meno simili, ma a oggi non ho ancora trovato niente di così ben fatto come StumbleUpon.

Al di là della nostalgia, la vera potenza di questo servizio era legata alla serendipità, intesa come la possibilità di scoprire qualcosa che meritava più attenzione e approfondimento.

Sto parlando di anni in cui la quantità delle informazioni non era ancora fuori controllo come lo è ora e non c’era nemmeno la tendenza nel voler conservare, salvare, rivedere in seguito ogni tipo di elemento.

Ve ne parlo perché trovo utile ricercare l’effetto serendipità tra le idee, le note o i link che conserviamo.

Certo, se sono cose salvate da noi non dovremmo avere la sensazione di fare felici scoperte inattese… peccato che sempre più spesso ci dimentichiamo delle idee o delle note prese nel corso del tempo.

Ecco che torna l’importanza di fissare nel calendario dei momenti precisi per rivedere le parti evidenziate di un libro letto, le note segnate da un articolo, i link più utili e così via. Con intenzionalità.

Poterlo fare in modo “casuale” è un grande allenamento per ripassare gli elementi conservati e aiutare la mente a trovare nuove connessioni, senza seguire ordini prestabiliti.

Ci sono alcuni strumenti che permettono di aprire note o pagine senza un ordine preciso, come avviene ad esempio in Obsidian o in Mymind.

Negli altri strumenti possiamo sfruttare i filtri legati alle date decidendo quali note rivedere rispetto a un arco temporale specifico.

Con l’allenamento costante, riuscirete a sbloccare quei momenti di vuoto o di scarsità di idee perché andrete a fare delle felici scoperte attraverso una selezione di materiali che già corrisponde – o dovrebbe corrispondere – alle vostre preferenze.

Nel video di circa 10 minuti vi propongo una serie di esempi che riguardano:

– Obsidian 01:10
– Mymind 2:09
– Evernote 3:10
– Google Keep 4:23
– Notion 5:00
– Readwise 8:48