La grande magia del filtro dell’attenzione

27 Aprile 2024 | Organizzazione, Pensiero

Il filtro dell’attenzione è un vero e proprio strumento indispensabile che ci aiuta a scegliere, selezionare ed eliminare i troppi elementi che fanno parte delle nostre giornate.

Se non lo facciamo lavorare, il rischio è quello di avvertire una sensazione di sfinimento quando cerchiamo di dividere l’attenzione su troppi fronti – senza filtri – pensando di poter gestire tutto.

Crediamo di gestire tutto fino a quando non crolliamo al grido di “non ce la faccio più”

Allenare il filtro dell’attenzione ci aiuta a decentrare alcuni aspetti.

Decentrare con il significato di “allontanare dal centro”, dal centro della nostra mente.

Ma come possiamo decentrare alcuni aspetti del nostro lavoro per alleggerire la mente?

Le possibilità sono tantissime, più numerose delle repliche di un film di successo di Natale.

Per farti degli esempi pratici:

  • i tool per gli appunti ci permettono di organizzare le idee fuori dalla nostra mente (è un posto piuttosto affollato là dentro…);
  • le agende e i calendari ci liberano dal peso di continuare a pianificare sperando di non dimenticare nulla;
  • la definizione di un posto per ogni cosa ci fa trovare oggetti fisici e file digitale senza perdere troppo tempo;
  • le cartelle, i tag e le categorie ci aiutano a classificare meglio le informazioni;
  • in generale, la scrittura ci libera dal magma che portiamo dentro.

Ogni esempio ha come fine quello di:

  • scegliere cosa lasciare andare;
  • scegliere cosa conservare;
  • scegliere cosa finire;
  • scegliere cosa raggiungere.

In poche parole: filtrare grazie alla nostra attenzione.

Perdona il gioco di parole… ma in fondo è tutto qui: il filtro dell’attenzione distrae da ciò che ci distrae.