L’origine delle note atomiche

5 Dicembre 2023 | Note e appunti, Organizzazione

L’atomicità delle note, o note atomiche/atomic notes, è un concetto emerso nell’ambito della gestione delle informazioni e della conoscenza personale, in particolare con l’avvento dei metodi di apprendimento digitale e di tool per la gestione delle note (i cosiddetti strumenti di pensiero).

Cosa sono le note atomiche?

L’atomicità delle note si riferisce alla pratica di scrivere note in modo che ciascuna contenga un singolo pensiero, una sola idea, un unico concetto o blocco di informazione. Questo rende ogni nota autosufficiente e comprensibile in modo indipendente.

Ogni nota, quindi, si concentra su un argomento specifico o su un’idea chiara, senza mescolare argomenti o concetti diversi. In questo modo, si mantengono le informazioni ordinate e facilmente recuperabili, oltre che permettere un utilizzo più completo grazie alle diverse connessioni che si possono creare. È come se ogni idea fosse un singolo mattoncino della Lego® che possiamo usare in infiniti modi grazie alle diverse combinazioni realizzabili.

L’origine del concetto

Sebbene l’idea delle note atomiche sembra essere stata messa in pratica in varie forme nel corso della storia, ha trovato una forte espressione nel metodo Zettelkasten sviluppato dal sociologo tedesco Niklas Luhmann.

Zettelkasten, che significa “scatola di schede”, è un metodo di gestione delle note che enfatizza l’importanza di creare collegamenti tra note indipendenti ma interconnesse.

L’approccio di Luhmann era radicato nella necessità di gestire grandi quantità di informazioni in modo efficace, che è diventato ancora più pertinente nell’era digitale, dove le persone sono sommerse di informazioni.

Gli elementi delle note atomiche

  1. Note indipendenti: ogni nota è scritta come se dovesse stare da sola. Questo significa che contiene abbastanza contesto per essere compresa senza dover fare riferimento ad altre note, ma senza espandersi troppo trattando altri temi.
  2. Link e collegamenti: nonostante la loro indipendenza, le note atomiche sono spesso interconnesse tramite link o riferimenti, permettendo all’utente di navigare facilmente tra idee correlate.
  3. Strumenti digitali: l’atomicità delle note è particolarmente efficace e popolare in applicazioni digitali di gestione delle note, dove è facile creare e mantenere collegamenti ipertestuali tra note separate (backlink o riferimenti incrociati).
  4. Applicazioni: questo approccio nei confronti delle note viene utilizzato in vari ambiti, dall’apprendimento accademico alla scrittura creativa, dalla ricerca scientifica alla gestione personale delle informazioni.

L’atomicità delle note si concentra sulla creazione di unità di informazione chiare, concise e indipendenti, che possono essere facilmente collegate e ritrovate. È un principio che si collega al processo di chunking e a quello di evergreen, e permette di migliorare la gestione e l’elaborazione delle informazioni.